TEST DI VERIFICA

TEST DI VERIFICA nei commenti...
Abbiate pazienza, l'avevo tolto, come in tanti mi avevate richiesto, per facilitare la pubblicazione dei commenti da parte vostra, ma ho dovuto rimetterlo perchè da quel momento han ripreso ad arrivarmi un saaaaacco di commenti-spam... e non ne posso più di star lì a cancellarli... :(((
Spero sarete comprensivi e che vorrete lo stesso continuare a seguirmi... VVB! =(^.^)=

giovedì 16 ottobre 2008

WORLD BREAD DAY 2008 - La Piadina Romagnola



Con questa ricetta oserei dire "antica", spero di contribuire a rimpolpare per bene il Paniere per la Giornata Mondiale del Pane di oggi 16 ottobre, promossa, per il 3^ anno consecutivo dalla MI-TI-CA (alla Omer Simpson! :DDD) AMICA ZORRA

AGGIORNAMENTO DEL 16.11.2012!!!!

Con questa ricetta partecipo anche all'ABBECEDARIO CULINARIO D'ITALIA, un progetto della Trattoria Muvara, arrivati all'ultima tappa, la  Z di Zocca a rappresentare l'EMILIA E ROMAGNA (la mia terra natale e Zocca e dintorni erano terreno di "caccia" alle castagne con La Compagnia ai bei tempi, quando eravamo tutti giovincelli e liberi come fringuelli :DDD) e tutti ospiti fino al 18.11.12 nella cucina di Roxy "Curiosando in Cucina"!!! ^^

La ricetta è ASSOLUTAMENTE originale, posso giurarlo sui miei mici con l’anima più candida di una colomba!!!! ^__^

Ha una sua storia, La Piadina della Giuseppina….

Ovvero, non è La Storia della Piadina, per quella basterebbe prendersene una infarinata qui
ma è una parte della Storia della mia famiglia, una parte indissolubilmente legata ad un’altra parte di Storia di altre 2 famiglie…
Comincio dall’inizio che sennò non ci capite niente :D
Praticamente nel lontano 1986 (avevo 16 anni…) con i miei genitori e la cugina di Novara, andammo in vacanza al mare ad Igea Marina tutto il mese di luglio e come "vicini di vacanza" c’era una famiglia che anche nella vita di tutti i giorni, era nostra vicina di casa, quando stavamo ancora dalla Nonna Sic! :D Che ricordi…Comunque sia, la Giuseppina, così si chiamava la nostra vicina - che era lì col marito, una delle 3 figlie e 3 nipoti, era la classica “Zdora”, sempre col grembiule addosso e le mani in pasta, a far concorrenza alla Nonna Sic nel sfornare merende per me e i suoi nipoti… ^__^
Il nostro “padrone” di casa al mare, il Mitico Alfredo, da bravo Romagnolo Doc, tutte le sere come companatico faceva la Piadina… ma non ci voleva dare la SUA ricetta… forse perché gli ricordava la sua amata moglie, scomparsa anni prima e l’impasto della Piadina era per lui un po’ riportarla in vita… potenza dei ricordi…
Ad ogni modo, la Giuseppina era un vero e proprio Uragano travestito da Angelo del Focolare, e piano piano si è saputa conquistare anche l’affetto dell’Alfredo che alla fine ha ceduto e le ha regalato la SUA RICETTA DELLA PERFETTA PIADINA ROMAGNOLA!!! :DDD
Manco a dirlo, finite le ferie e tornati in quel di Marrara (un paesino piccolissimo in provincia di Ferrara), la Giuseppina si è messa a impastare e a tirar fuori di quelle piadine da resuscitare i morti!!!
Addirittura INTEGRALI!!! Mammachebontà!!!
Poi, la mia mamma, un giorno le ha chiesto la ricetta e la Giuseppina non si è fatta pregare, anzi! Era ben contenta di passarla in eredità ad un’altra “Zdora”! :D

Così mentre Giuseppina dettava, mamma scriveva e questo a fianco è ancora il foglietto originale!!! ^__^


Io però ho dimezzato le dosi, dovendone fare solo per 2 persone (mentre la Giuseppina ne faceva per 10 e più…)

E, siccome lo dice anche la ricetta che si può sostituire, ho usato l’olio evo al posto dello strutto :P

Mi sono divertita tantissimo ad impastare tutto quanto e ho fatto tutto io, non ho lasciato niente alla MDP!!! :DDD

Per 10-12 piadine grandi quanto un piatto da dolce:

500 gr di farina “00”
100 gr di olio evo (o strutto)
1 cucchiaino raso di bicarbonato
sale q.b.
250 gr di acqua tiepida

Ho unito tutti gli ingredienti nella farina messa a fontana sulla spianatoia e mescolato e poi impastato fino ad ottenere una palletta liscia e omogenea e lasciata riposare mezz’ora (non contiene lievito, solo bicarbonato!) e poi l’ho rilavorata a forma di salame e tagliato dei dischi di 1 dito di spessore circa e ogni disco l’ho steso col matterello (infarinando sopra e sotto) in una sfoglia sottilissima e, a strati, in un piatto con altra farina tra una piada e l’altra e coperto con lo strofinaccio. Ho scaldato sulla fiamma questa piastra di cotto della Bonifazi e ho comprato sempre da lui anche quella pentola di coccio che vedete sullo sfondo, ma di quella ve ne parlerò un’altra volta… :P
Una volta ben arroventata la "Teja" (sotto ci ho messo uno spargifiamma) bollente, ho cominciato a cuocere le piadine una a una 3-4 minuti per lato, fino a che ho cominciato a vedere le classiche “bolle” dorate (mentre cuocevano si gonfiavano!!!!) e tenendole in caldo sotto lo strofinaccio. Le ho farcite con un po’ di buon salamino e insalata e altre con fiocchi di latte e insalata… Perdonate il “ripieno” ma in frigo non avevo altro :DDD perché io sono SEMPRE così… improvviso…

Ma “la morte sua” (della piadina) è con:
- Stracchino e rucola
- Cipolla e salsiccia alla piastra
- Prosciutto e mozzarella
... ma con la nutella e qualche rondella di banana l'avete mai provata?... da capottarsi!!!! :P***

10 commenti:

Alex e Mari ha detto...

Cosa sarebbe la giornata mondiale del pane senza piadina!! Ricordo gli incontri con i nostri amici riminesi. Grandi scorpacciate di piadina, con fagioli e salsiccia, cicoria ripassata in padella, squacquerone e prosciutto. Che nostalgia!!
Grazie per la ricetta.
Un abbraccio, Alex

valverde ha detto...

la piadina può essere sottile come a Rimini e dintorni o più spessa come verso Imola,più dolciastra come nei lidi ravvenati o più condita come verso le marche... ne esistono °mila varianti..ma rimane sempre la Piadina = squisitezza!ehhh... se capitate a Cesenatico ... andate di fronte allo stadio : c'è un piadinaro fantastico (non voglio fare pubblicità ma se volete in pvt vi mando il nome!:))Là fanno i rotoli di piadina farciti, i cascioni
-o cassoni che dir si voglia- cioè la piadina chiusa a metà ,come una sorta di calzone...se fosse pizza!--
La piadina s'accompagna e si sposa!ai salumi e ai formaggi, i cascioni con le erbette , le patate o la zucca...E' superba con la carne alla griglia o con il carpaccio di pescepada, ma l'ho vista accoppiata anche con la trippa in inverno il giorno del mrcato-venerdì!! Anche con cocco e nutella o mascarpone e frutti di bosco..insomma si nota che adoro la piadina??!!! baci Gata

valverde ha detto...

errata corrige : "mercato"
e baci "a Gata"

Heidi ha detto...

buona la piadina!!!! io di solito me la faccio anche con la marmellata!

poi, leggendo il post sotto:
subito ho pensato, ecccccoliii quuaaaa!!!! anche loro alle prese coi marmocchi!!! poi.... si tratta dell'auto nuova!!! E IO SAREI "TREMENDA"?!???!!???? comunque Harald dice che "ci avete fatto le corna" (in senso "buono";)) comunque potevate farvi un w-e quà a noi.... fare un giretto nello showroom della nostra officina.... lasciarci la vostra vecchia auto e tornare a casa il lunedì con l'auto nuova!!!

Baol ha detto...

Buonissima la piadina!!!! Mia nonna la faceva buonissima ora non la fa più, non trova più lo strutto buono e comunque ha perso la mano... :(

Susina strega del tè ha detto...

Quella col salame è miaaaaaaaaa!!
E guai a chi me la tocca!!
>.<
brava Gaty!!

gatadaplar ha detto...

ALEX ci mancherebbe! :D
Sapessi che ricordi anch'io... :*)
C'era un piadinaro sulla strada per il ritorno dal mare e si faceva sempre tappa lì con i miei... è partito con un furgoncino e 4 sedie... adesso ha un ristorante!!!!! :DDDD
Un abbraccione!

VALVERDE ammappete! Mi hai dato delle idee fantastiche per la farcitura! Specialmente le versioni dolci!!! Da provare prima della dieta!!! :DDD
Un bacione =(^.^)=

HEIDI ci sei cascata eh?! IH! IH! IH! =(^.^)=
Mi dispiace che Harald ci sia rimasto male... non sai quanto mi sarebbe piaciuto... e poi una vacanzina non ci starebbe proprio male... ma penso che ci avrebbero strozzato... perchè anche lui lavora da un Concessionario-Officina! :DDD
Grazie però da parte di tutti e due per il pensiero... e, potendo, penso che vi "ruberei" quella macchina d'epoca blu che Harald ci fece vedere in un suo vecchio post! :D Mi è rimasta nel cuore!!! =(^.^)=

BAOL dai... è come andare in bici, una volta imparato non te la scordi più! :D
Dai, punzecchia la nonna che te la rifà! ^_^ Un Bacione!!!

SUSY è tua! è tua! aiuto! :DDD

Imma ha detto...

Eh si ci vole va proprio la piadina per questa giornata cosi' speciale, e poi con uan storia cosi' bella dietro non poteva non partecipare! Ciao

zorra ha detto...

Bella storia! Mille grazie per la ricetta autentica y per tu participazione in WBD'08.

Gatadaplar ha detto...

IMMA carissima! Grazie, sei un tesoro!!! :*)
Un bacione!

ZORRA grazie a te, 1000 volte!!!
Un abbraccio! ^__^

Ti potrebbe interessare anche...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Postato da: