TEST DI VERIFICA

TEST DI VERIFICA nei commenti...
Abbiate pazienza, l'avevo tolto, come in tanti mi avevate richiesto, per facilitare la pubblicazione dei commenti da parte vostra, ma ho dovuto rimetterlo perchè da quel momento han ripreso ad arrivarmi un saaaaacco di commenti-spam... e non ne posso più di star lì a cancellarli... :(((
Spero sarete comprensivi e che vorrete lo stesso continuare a seguirmi... VVB! =(^.^)=

sabato 13 febbraio 2016

INVOLTINI PRIMAVERA e voliamo in CINA!

Quando stavo ancora con i miei genitori a Ferrara, spesso e volentieri con gli amici della Compagnia, più che la pizzeria si sceglieva il ristorante cinese...
Ce n'erano diversi in città, ma un paio erano quelli che ormai i camerieri stendevano il tappeto rosso al nostro ingresso :DDD

Chissà se esistono ancora...

Comunque, il mio menù tipico era: INVOLTINI PRIMAVERA, MANZO FUNGHI E BAMBU' e FRUTTA CARAMELLATA oppure, eccezionalmente, la MACEDONIA ma era tutta frutta sciroppata, prelevata direttamente da un barattolo, quindi.....

Mi discostavo raramente da queste tre portate perchè sono sempre stata molto diffidente verso i sapori nuovi, per via del terrore di trovarvi dentro ingredienti che poi mi fanno davvero star male (peperoni e paprica in primis...) ma ogni tanto una sforchettata nel piatto del mio vicino di tavolo la davo (riso alla cantonese, buonissimo!).

Poi negli anni mi sono resa conto che di cibo veramente tipico cinese, in questi ristoranti, c'era ben poco se non nulla... anche la pacchianeria di certi addobbi, penso fosse dettata dalla voglia di ricreare gli ambienti "originali", ma i quadri luminosi con la finta acqua che scorre... babbabia che orrore... :DDDD

Ovvio che abbiano dovuto adattare i gusti al palato occidentale, come succede, purtroppo, per i nostri piatti tradizionali in altri Paesi, penso...



Quindi, dopo questa lunga premessa, per la letterina X della città di Xi'an per rappresentare la CINA, che è una delle ultime tappe dell'Abbecedario Culinario Mondiale, un Progetto della nostra Mitica Capo-Carovana Aiù, ed ospitata fino al 21 febbraio dall'Amica Carla Emilia e il suo blog Un'Arbanella di Basilico, voglio presentarvi proprio quegli involtini da me tanto amati che, tanto per stare sulla stessa linea dello sproloquio lassù scritto, non so se siano veramente originali, ma li ricordo così e quindi, via!

INVOLTINI PRIMAVERA
4 fogli di Pasta Phyllo
2 carote medie
2 zucchine
3 gambi di sedano (la parte più interna, chiara)
1/2 cipolla bionda piccola
1 litro di olio di semi di arachidi
Tagliaverdure a julienne
1 bicchiere d'acqua
1 pennello

Salsina Agrodolce per accompagnare (il link rimanda a quella home-made della mia Amica Elena)

Preparare il wok sul fornello versandovi l'olio.

Lavare ed asciugare accuratamente le verdure ed eliminare le estremità di carote, zucchine e sedano.

Con il pelapatate sbucciare le carote e pelare i gambi di sedano fino ad eliminare tutta la parte esterna filamentosa.

Tagliare a metà la cipolla e affettarla a fettine spesse qualche millimetro (non con la mandolina, vengono troppo sottili).

Ora tagliare a metà anche le altre verdure e tagliarle a julienne.
Se avete un tagliaverdure apposito, tipo quello in foto, farete in un attimo! :)


Su un tagliere, stendete i 4 fogli di pasta phyllo e tagliatele a metà nel senso della larghezza, ottenendo così 8 fogli più piccoli, che vanno sovrapposti l'uno all'altro.

Cominciando la primo sopra, ponete una manciata di ogni verdura sopra al foglio, cominciando dal basso (quello verso di voi).

Fate un primo giro per chiudere le verdure nel foglio stesso, quindi chiudete le due estremità laterali sovrapponendole per la loro lunghezza, sul primo giro, quindi terminate di arrotolare e l'estremità a voi opposta va spennellata leggermente d'acqua, quindi chiusa saldamente.

Preparare così tutti i fogli fino ad esaurimento del ripieno (a me sono venuti 8 involtini)

So che in certe versioni nel ripieno è prevista anche della carne macinata e/o dei gamberetti, ma io preferisco la versione vegetariana :)

Scaldare l'olio almeno a 160-170° e friggere 3-4 involtini alla volta, per qualche minuto, girandoli delicatamente quando ben dorati da una parte.

Scolare molto bene e metterli ad assorbire l'olio in eccesso su carta-paglia o scottex.

Servire caldi accompagnando con la salsina agrodolce!

La potete anche comprare per carità, ma se ve la fate in casa è anche meglio! Oltretutto è semplicissima da preparare e gli ingredienti occorrenti si trovano in tutti negozi di alimentari, non occorre impazzire girando in chissà quali negozi etnici per reperirli :)

Io ho seguito la ricetta dell'Amica Elena di Zibaldone Culinario, solo che devo aver abbondato troppo con la maizena ed è venuta piuttosto solida, ma è comunque buonissssssima! ^^


7 commenti:

Un'arbanella di basilico ha detto...

Grazie Mony, sono bellissimi e mi piacciono molto! Un bacione

elena ha detto...

davvero deliziosi i tuoi involtini, ho sorriso al tuo classico menu, anch'io ne ho uno di fiducia e che non cambio mai...eppure solitamente oso! :) grazie della citazione!
un bacione!

Gata da Plar Mony ha detto...

UN'ARBANELLA DI BASILICO che bellooooooooooo!!! Sono Felice che ti piacciano, anche se forse non sono proprio "tipici", ma come si fa a non amarli? :DDD
Bacioneeeeeeeeeeee

ELENA oohh allora non sono l'unica :DDD
Grazie a te per la dritta sulla salsina ^^
Un abbraccione-one-one!

vanessa varini ha detto...

Non ho mai mangiato gli involtini ma mi ispirano tanto!😋

erminia ha detto...

è vero, hai ragione nel dire che il cibo dei ristoranti cinesi italiani è ben diverso dal cibo cinese originale. Io sono stata in Cina e ho mangiato ogni giorno a pranzo nei loro ristoranti e ho mangiato vero cibo cinese: prima di tutto moltissime verdure cotte e crude accompagnate da carni bianche a tocchetti piccoli e riso bollito con salsine a iosa. Un capitolo a parte merita l'anatra laccata. E un altro ancora il cibo di strada che i cinesi consumano a tutte le ore. A parte che spesso vedi mangiare in strada operai ma anche famiglie intere che stanno più comodi lì che dentro le loro piccolissime case. Altro discorso sono le grandi città, vere e proprie megalopoli, e i ristoranti dei grandi alberghi che ospitano i turisti del resto del mondo. è anche vero che la Cina stessa è un mondo......Bel viaggio!! Ciao sono Erminia di Polverigi ma ferrarese di nascita e...pendolare fra Marche ed Emilia

Viviana B. ha detto...

A parte che questi involtini sembrano buonissimi ed assolutamente da provare, ma... guarda la data del post! Ma non ti vergogni? Lasciarci senza tue notizie per così tanto tempo!
Brutta Gatina, cattiva!
:-D
Torna presto, che qui si sente la tua mancanza!

Gata da Plar Mony ha detto...

VANESSA VARINI provali e te ne innamorerai! Poi, alla fine, dentro puoi metterci le verdure che vuoi, seguendone anche la stagionalità, che è pure meglio (e più sano) :D
Grazie per essere passata! Un abbraccio

ERMINIA carissima!!!!
Ma quand'è che ti apri un blog? Così posso passare a trovarti anche io! :D
In Cina?! mammamia che viaggio lungo! Io purtroppo, per i miei "viaggi" all'estero, mi accontento di provare qualche piatto tipico, sperando che si avvicinino il più possibile all'originale :DDD
Un abbraccio e sempre felicissima di rileggerti! Un bacio

VIVIANA B. aiuto!!!! Mi hai messo paura! Sto già sull'attenti! :DDD
Hai ragionisssssssssima! I miei blogghini (anche "Son ciò che mangio" e "le idee di mony") latitano da taaaaaaaaanto tempo....
E' che ormai, tra Instagram e FB è diventato così veloce poter scrivere che i blog... porelli, accumulano polvere e ragnatele a gogo...
Dovrò darmi una regolata, anche e soprattutto per le Amiche come te che si ricordano che ci sono anche se sto in silenzio :D
Un abbraccio fortissimissimo!!!!!

Ti potrebbe interessare anche...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Postato da: