TEST DI VERIFICA

TEST DI VERIFICA nei commenti...
Abbiate pazienza, l'avevo tolto, come in tanti mi avevate richiesto, per facilitare la pubblicazione dei commenti da parte vostra, ma ho dovuto rimetterlo perchè da quel momento han ripreso ad arrivarmi un saaaaacco di commenti-spam... e non ne posso più di star lì a cancellarli... :(((
Spero sarete comprensivi e che vorrete lo stesso continuare a seguirmi... VVB! =(^.^)=

giovedì 28 gennaio 2010

INSALATA IN TECNICOLOR CON POLIPO TIEPIDO

Personalmente, amo moltissimo mangiare il polipo... o polpo?! mi sbaglio sempre... ^____^

Però tutte le volte che ho provato a cucinarlo io, mi è sempre venuto gommoso... lo mangiavo lo stesso perchè, ripeto, ne sono proprio golosa, però se devi offrirlo a degli ospiti, 'nsomma.... ^____^

Così mi sono sempre "accontentata" di prenderlo già cucinato, in un negozio che vende solo pesce, sia crudo che cotto, e lo fanno sempre con abbinamento di patate e fagioli... una meraviglia, ma per la mia dieta non va affatto bene... :*(((

Allora, un pò di tempo fa, sono passata a far scorta di pesce surgelato (vi ho fatto rabbrividire eh?! ^___^) da Sapori di Mare, un negozio facente parte di una catena che vende solo ed esclusivamente surgelati, di pesce soprattutto, ma ha anche un bell'assortimento di altre leccornie... :P****

E ho trovato... il polipo già pulito, tagliato a tocchetti e precotto a vapore!!!! Non ci potevo credere!!!!!
 
Ho "festeggiato" l'evento preparando questa

INSALATA IN TECNICOLOR 
con POLIPO TIEPIDO
(per due persone)



300 g (abbondanti...) di polipo già pulito e tagliato a pezzetti (come dicevo sopra)
1 limone
sale rosa q.b.
pepe q.b.
1 busta di insalatina mista
2 carote medie 
1 scatola piccola di fagioli di spagna
1 manciata di olive nere tipo taggiasche
1 pezzetto di radice di zenzero (il mio nuovo "Amore" in cucina ^_____^)
olio evo

Premetto che non ho inventato proprio niente... si tratta di una cenina veloce veloce preparata durante la settimana lavorativa, ma è d'effetto e quindi ve la propongo ^____^

Ho fatto scongelare il polipo poi l'ho rimesso a cuocere nella pentola a pressione piccola, con un litro e mezzo circa d'acqua e zero sale e l'ho fatto cuocere (dal fischio) per circa 3/4 d'ora, poi ho fatto "sfiatare" completamente la pentola, tolto il coperchio, aggiustato di sale e lasciato cuocere altri 10 minuti circa (per farlo insaporire).... Quando l'ho tirato fuori e l'ho assaggiato... si scioglieva in bocca come burro........ aaaaaahhhh che libidine assoluta!!!!! :*DDD

L'ho tenuto in caldo trasferendolo dentro una ciotola con coperchio ermetico.

Ho disposto su un bel piattone da portata, l'insalatina mista (le buste già pronte...) poi vi ho sparso sopra i fagioli spagna, le olive, le carote tagliate a julienne (prima ovviamente lavate e "sbucciate") e i pomodorini tagliati a metà... Lo so che d'inverno non sono il massimo come sapore, ma qualche volta li uso lo stesso perchè ne sono comunque golosa e mi ricordano il sole, il caldo, l'estate... :P***

Ho posato al centro il polipo ancora tiepido e sparso sopra al tutto la radice di zenzero pulita e tagliata a julienne e irrorato con una emulsione di limone (il succo filtrato), olio evo, pepe, sale rosa e servito :)

Anche questo sparito in un baleno... oh! se non mi spicciavo, il Compare non lasciava nulla alla mia boccuccia... sì perchè lui mangia talmente velocemente che lo chiamo sempre affettuosamente "Idrovora" mentre io, a tavola, sono un Bradipo!!! ^______^

Perchè lo sfondo della bottiglia di vino, lassù in alto?! Perchè è una delle mie tovagliette di plastica da colazione (!!!) preferita e perchè... ho pensato, quando ho preparato questo piatto, ai bellissimi e carissimi SABRINA & LUCA di Sapori di Vini e a loro dedico questo piatto, visto che amano tantissimo il pesce, al contrario di Gata! ^_______^ ... certo... una Gata che non ama pesce... bah!

martedì 26 gennaio 2010

SIAMO "MAGGIORENNI"!!!!!! ^______^



oggi Gata e Compare festeggiano 18 anni insieme!!!!


Com'è andata fin qui?
Non male direi... Hanno passato quasi indenni il 7^ anno e assolutamente indenni il 14^! :DDD

Visti da fuori questi due tipi non potrebbero sembrare più diversi... Gata tutta impulsività, sogni e fantasia; il Compare invece precisione, organizzazione e puntualità fatta persona...
Ma gli opposti si attraggono no?
Dio li fa e poi li accoppia no?
Moglie e buoi dei paesi tuoi no?
... vabbè... ma lei, povera Gatina innocente, che ne sapeva che lui era un "forestico" trapiantato in quel di Ferrara!!?? :DDD

L'ha "imbrogliata" ecco!

L'ha sedotta e poi... sradicata, letteralmente, dalla sua terra paludosa e zanzarosa per iniziarla a nuovi orizzonti, affatto visibili da dove stava prima, diversi livelli sotto il livello del mare! ^_____^

E quindi, Caro Compare ti lascio qui i miei Migliori Auguri perchè te lo dice una che la conosce bene... Ti sei trovato una Gran Bella Gatta da Pelare!!! =(^.^)=

AUGURI AMORE!!!

PANE DI FARRO E SEMI DI PAPAVERO...

... con la MDP (Macchina del Pane)!

Eh sì, perchè era un saaaaaaaaaaaacco di tempo che non la usavo (a parte il Compare che mi fa sempre il Pane Nero buonissimo... quel mix di farine in pacchetto da 500 g di carta nera, della Spadoni, credo....) e ieri sera, avendo finito l'ultima fetta di pane con la cena, ho fatto questo impasto:

PANE DI FARRO E 
SEMI DI PAPAVERO


1 cucchiaio d'olio evo
240 gr acqua
1 cucchiaino raso di sale fino
(la ricetta dice 1,5 ma scarseggio sempre)
240 gr di farina di farro
240 gr di farina di Manitoba (Spadoni)
1 bustina di lievito di birra

extra ricetta: 2 cucchiaini colmi, di semi di papavero

Le dosi e l'ordine con cui ho scritto gli ingredienti, sono quelle della ricetta indicata dalla mia MDP, solo che anzichè 480 gr di farina di un unico tipo, ho usato metà dell'una e metà dell'altra :)

Ogni MDP ha la sua ricetta per questo impasto, quindi, seguite la vostra :)

La mia (ed è la seconda perchè la prima l'ho fusa lo scorso anno... dopo due anni di onorata carriera ^^) è una Moulinex Home Bread e il programma in questione è il n. 11, per chi l'avesse uguale :)

Dopo aver inserito tutti gli ingredienti e unito i semi di papavero, ho avviato la MDP sul programma "base per pizza" e lasciato fare tutto a lei (compresa la lievitazione) poi a programma terminato, ho lasciato comunque il panetto all'interno della MDP altre 2 ore, così ha continuato a lievitare con calma....

Alle 21.30 ho estratto il panetto dalla MDP e l'ho posato sulla placca del forno, con sotto un pezzetto di carta-forno, ho fatto dei tagli incrociati sulla superficie e cotto a 220° per 50 minuti circa.

Dopo la cottura, ho lasciato freddare questa bella pagnottella tonda e profumatissima su una griglia di metallo fino a questa mattina, quando l'ho poi riposta dentro un sacchetto di carta, fino ad oggi a pranzo.

Il Compare ha approvato, anche se forse era piuttosto "sciapa" ma va bene così, perchè devo mangiare con pochissimo sale... ^____^


domenica 24 gennaio 2010

RISOTTO BIANCO E VERDE

Un altro risottino, facilissimo da preparare e altrettanto buono, ma anche leggero :)

L'ho preparato per il pranzo di oggi, che siamo in compagnia dei miei Suocerini e volevo fare qualcosa che potessi mangiare anch'io, visto che sto cercando di rimettermi in riga, senza dover per forza fare due tipi di primi...


RISOTTO BIANCO  E VERDE



(per 4 persone)

350 gr di riso Carnaroli
metà di un cavolfiore verde
1 bicchiere di Prosecco
1 cipolla media
olio evo
1 litro di brodo vegetale
grana grattugiato

Ho tagliato a metà il cavolfiore verde (esattamente come quello "classico" bianco, ma ha tutte le cimette di un bel verde brillante) e tagliato tutte le cimette in modo da averle "intere" ma piccole piccole e lavato bene cambiando due o tre volte l'acqua (N.B.: ad ogni cambio di acqua, l'ho usata per annaffiare le piante sulle scale condominiali! ^____^)
Ho conservato anche le foglioline più tenere, quelle piccole attaccate vicino al gambo.

Ho sciacquato il riso nello scolapasta per eliminare un pò di amido.

Ho affettato finemente la cipolla, dopo averla ovviamente pulita, e scaldato ben bene il brodo vegetale (di dado casalingo).

In una pentola capiente, ho scaldato l'olio e vi ho fatto appassire la cipolla, poi ho versato il riso e fatto tostare mescolando col cucchiaio di legno per un paio di minuti, poi ho sfumato col vino e quando questo è evaporato, ho unito le cimettine di cavolfiore e le sue foglioline e unito man mano il brodo fino a portarlo a cottura.

Se vi piace il cavolfiore "al dente" seguite questa procedura, se invece vi piace più morbido, quasi scotto, consiglio di lessarlo a parte prima una decina di minuti (già ridotto a pezzetti) prima di unirlo al riso (magari potrebbe essere cavolfiore rimastovi da un contorno della sera prima...).

A cottura ultimata, spegnete la fiamma e unite una bella grattugiata di grana e mescolate per amalgamare poi incoperchiate e lasciate riposare qualche minuto prima di fare i piatti.

Io non posso mangiare formaggi, quindi mi sono dovuta fare il mio piatto prima di passare al grana ^__^

Hanno gradito tutti, ma secondo me ci stava bene anche una spolverata di pepe e la prossima volta... anche lo zafferano!!! ^______^

Per secondo una bella insalatina verde mista con arance e olive nere.

giovedì 21 gennaio 2010

RISOTTO SOLARE... RISOLLEVA MORALE!

Capisco quando non ne posso più dell'Inverno quando 6 giorni filati di cielo plumbeo e pioggerellina fina mi fanno diventare nervosa e facilmente irritabile... Irritazione che non passa nemmeno quando il suddetto Signor Freddo ci "regala" 4 ore di sole pieno e cielo blublublu!!!

E allora mi tiro su il morale preparando un "risotto" supercolorato inventato lì per lì, con gli avanzi dei contorni della cena della sera prima... :*) E ripartecipo, così, alla raccolta di Federica in ORO NEL PIATTO, una bellissima raccolta TUTTA dedicata allo Zafferano! ^___^


RISOTTO SOLARE... RISOLLEVA MORALE
(per due persone)

180 gr di Riso Carnaroli
1 bicchiere di Prosecco
2 scalogni piccoli (o 1 grande...)
1 bustina di zafferano
1 cucchiaino di curcuma
cavoletti di Bruxell (1 vaschetta)
funghi champignon (1 vassoietto)
erba cipollina
olio evo q.b.
sale fino q.b.
brodo vegetale


Cavoletti di Bruxell e funghi champignon li avevo cotti il pomeriggio precedente da usare come contorno per la cena.

I primi li ho semplicemente tagliati a metà (dopo averli mondati e ben lavati) e cotti stufati in padella con un dito di acqua e poi conditi con olio evo, sale e il succo di 1 limone spremuto e filtrato e sale.


I funghetti invece, sempre dopo averli lavati e puliti, li ho tagliati a cubotti grossolani e cotti sempre in padella con vino, erba cipollina, sale e poi conditi con olio evo a crudo.

Per il risotto ho preparato circa 1 litro di brodo vegetale con dado casalingo (da sostituire in alternativo col classico dado...).

In mezzo bicchiere di questo brodo bollente ho sciolto lo zafferano e la curcuma in polvere... so che lo zafferano è già bello giallo di per sè, ma avevo bisogno di proprio TANTO giallo per tirarmi un pò su... :*)

In un'altra pentola ho tostato versato un pochino di olio evo, vi ho fatto appassire gli scalogni tagliati prima a fettine sottili e vi ho poi versato il riso (prima sciacquato sotto acqua fredda corrente per eliminare un pò di amido) e fatto tostare un paio di minuti mescolando per non farlo attaccare e quindi sfumato col Prosecco (sempre avanzato dalla sera precedente), fatto sfumare il vino, ho versato tutto il brodo vegetale e lasciato andare a cottura fino a che il riso ha assorbito praticamente tutto il liquido (deve comunque restare "morbido"); diciamo 15-20 minuti, controllando e rimestando ogni tanto.

A cottura ultimata ho versato nel risotto l'acqua con le spezie sciolte dentro e mescolato bene bene per amalgamare e dare a tutto il riso un bellissimo color giallo solare e poi incoperchiato e lasciato riposare qualche minuto ^___^

Nel frattempo ho preso il mio wok e vi ho scaldato un paio di cucchiai di olio evo con dell'aglio in polvere e appena un pò di peperoncino, sempre in polvere, e vi ho fatto "saltare" cavoletti e funghi insieme.

Ho versato nelle fondine una generosa porzione di risotto giallo e sopra ho disposto le verdurine e spolverato con altra erba cipollina.

Di sicuro quel giorno, tutto il sole che non era fuori, stava DENTRO al nostro piatto! ^___^

sabato 16 gennaio 2010

TORTA ALLE NOCI DELLA NONNA DI VALVERDE ^__^

Qualche giorno fa la nostra Carissima Amica VALVERDE "mi" ha pubblicato la ricetta della torta di Noci che faceva la sua Nonnina, con tanto di foto! ^__^

Mbè, che c'è di strano direte voi.... più che "di strano" direi "di nuovo"! Sì perchè finalmente anche Valverde si è lanciata con le foto di cucina!!! Evvaiiiii!!! Val, questo è solo l'inizio! Con la tua Lucilla (dai che prima o poi riesci a domarla!!!) vedrai che ti farai prendere la mano e non avrai più alcun timore di mostrarci, quando e se ti andrà, le tue ricette! ^___^
Non essere timida (perchè so che lo sei...) e non farti mettere soggezione dai nostri di pasticci culinari!! :*D

Detto questo, Mia Carissima Amica e Collega Strega, ti ringrazio della Torta dedicata e raccolgo ben volentieri l'invito/sfida di provare a replicarla e... siccome mi piace complicarmi la vita... proverò a realizzare entrambe le versioni, quella originale, di tua Nonna e la tua... Poi ai posteri l'ardua sentenza! ^_____^

Allora, ho già realizzato la ricetta "originale" (come tu già ben sai ^^) e quindi, chi dovesse inciampare dalle mie parti eccovi la PRIMA VERSIONE de:

TORTA ALLE NOCI DELLA
NONNA DI VALVERDE
(dosi per una torta da cm. 26 di diametro)
ingredienti:

200 gr di burro
130 gr di miele di acacia
100 gr di zucchero
300 gr di farina per dolci ("00")
100 gr di fecola di patate
80 gr di gherigli di noce tritate
2 uova medie
150 gr di pinoli (vedere sotto, mie modifiche)
2 cucchiai di liquore (Val, non ho il Cointreau, ho messo del rhum...)
1 bustina di lievito vanigliato

mie aggiunte/modifiche:
2 bicchieri di latte di soya (per rispettare la tradizione ci sarebbe voluto latte "normale" che però non avevo... perchè non lo uso :P )
granella di nocciole (in sostituzione dei pinoli perchè al Compare non piacciono)

Ormai si sa che quando mi metto a cucinare, non posso MAI pensare che possa filare tutto liscio, dall'inizio alla fine no? Qualche ecatombe la DEVO combinare, sennò non c'è gusto...
Ecco... anche questa volta ho combinato un bel pasticcio pre-torta...

Siccome in casa avevo TUTTI gli ingredienti (incredibile!!!) tranne il BURRO (perchè non lo uso praticamente mai e se ne ho in frigo ha già sicuramente 4 dita di muffa sopra....) e la fecola di patate... allora mercoledì pome sono andata in bottega a comprare questi unici due ingredienti e appena arrivata a casa, siccome dovevo ancora fare i miei 15-20 minuti quotidiani di ellittica, sdocciarmi e preparare la cena, ho pensato bene di mettere tutti gli ingredienti in fila sul tavolo della cucina così da aver già tutto a portata di mano dopocena per preparare la torta, ma siccome il burro era ancora duro, ho avuto la GENIALE IDEA di posarlo sul termosifone così, ho pensato, intanto si ammorbidisce pian piano... poi sono corsa di là in cameretta a fare 'sta cacchio di ellittica, poi è arrivato il Compare e ci siamo dati il cambio, lui a ellitticare e io a sdocciarmi e poi avevamo fame e allora sono corsa in cucina per preparare la cena e... "butto" l'occhio alla finestra della cucina, che mi pareva di aver visto là fuori, sul davanzale, la Mimmilei che voleva entrare (ovviamente non c'era...) e che ti vedo sul termosifone sotto detta finestra?!!

MA IL BURRO.... WATH ALSE?!!!!

Ho cacciato un urlo che manco l'allarme del Titanic!!! ODDIOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO
Mi sono scatafiondata a prenderlo via e.... ALTRO "ODDIOOOOOOOOOOOO" che era colato già TUTTO il burro per terra, TUTTO bello liquefatto in mezzo agli elementi del termosifone, fino giù, sul pavimento, un bel rigoletto di unto giallognolo schifoso che IO non ho fatto altro che peggiorare quando ho preso con le mani il pacchettino... perchè un pò di burro liquefatto era rimasto dentro a quel dannato pacchetto e io, stringendolo con le mie manine, l'ho fatto scolare fuori completamente!!!!!! Ma il Burro Bastardo non ha avuto pietà di me.... NO! Visto che ormai era ridotto ad un ammasso di blobunto, aveva ormai anche già preso una sua propria identità e ha pensato bene di vendicarsi della mia stordaggine, CONTINUANDO a colare in mezzo al termosifone, non FUORI.... dove potevo arrivare a pulirlo come dio comanda...
Insomma, con le lacrime agli occhi (un pò dal piangere, un pò dal ridere) ho cercato di raccogliere tutto il burro che potevo consumando mezzo rotolo di carta assorbente, snocciolando nel frattempo tutte le peggio parolacce che sapevo e coniandone pure qualcuna di nuova, con in mezzo tanti Santi e Diavoli!
... devo tenere, per non so quanti mesi a venire (bè, almeno fino alla fine dell'inverno) un foglio di scottex per terra sotto al termosifone, perchè ora, ogni volta che si scalda, perde burro....

Ovviamente, quella sera di fare il dolce non se ne è parlato proprio...

Epperò un lato positivo c'è... Al mio pavimento non verrano mai le rughe.... ^_______^

E quindi ieri mattina, uscita dal lavoro, sono volata in bottega a comprare altri 250 gr di burro... :P

E questo è il procedimento da seguire, per una persona che ci sta con la testa... anche in cucina! ^^

Ammorbidire il burro (!!!) a temperatura ambiente e, se avete fretta... sfruttate il termosifone... ma mettete il burro DENTRO una ciotola!!! :*DDDD

Lavorare il burro con lo zucchero fino a farlo diventare morbidissimo, poi in una ciotola bella capiente mescolate tra di loro la farina, la fecola di patate e il lievito vanigliato e le noci che avrete prima ridotto in farina con un tritatutto.
A queste "polveri" mescolate pure i pinoli o, come ho dovuto fare io perchè al Compare non piacciono i pinoli, la granella di nocciole, tenendone da parte una manciata da spargere sopra come decorazione.

Ora fate un buco al centro e versatevi il burro lavorato con lo zucchero, il miele, il liquore e le uova (prima sbattute) e 2 bicchieri circa di latte.
Nella ricetta "originale" pubblicata da Val, non era scritto il latte, ma quando sono andata ad impastare tutti gli ingredienti, mi mancava un "legante" liquido, era troppa la "parte solida" in rapporto al liquido dato da uova-miele-liquore e quindi ho dovuto fare questa aggiunta... spero che Val e la sua Nonna non se ne abbiano troppo a male... :P

Quindi, dicevo, messi tutti gli ingredienti al centro ho cominciato a girare prima con la frusta a mano poi con un cucchiaio di legno, fino ad ottenere un impasto piuttosto denso ma molto morbido.

Ho imburrato e infarinato una tortiera a cerniera e vi ho versato il composto livellandolo.
Ho sparso sopra la granella di nocciole tenuta prima da parte e infornato a 180° per 45 minuti.
La prova dello stecchino mi ha fatto lasciare il dolce in forno altri 5 minuti abbondanti e poi l'ho estratto e lasciato freddare a temperatura ambiente.

Estratta la torta dal suo contenitore, l'ho posata su un bel piatto da portata e messa da parte per questa sera, che saremo a cena da amici ma il Compare l'ha voluta comunque assaggiare, e allora gli ho concesso di mangiare la fetta che avevo tagliato per fare le foto "di rito" e.... Cara Val, ha detto che questa Torta è semplicemente SUPERLATIVA!!! ^____^

Io ne ho assaggiato un pezzetto più fine di un'ostia ma... babbabia... troppo bbbbuona!!!

A presto con la seconda variante, ovvero LA TUA! ^____^

PS: la possiamo definire una "Torta a 6 mani"? :*)

mercoledì 13 gennaio 2010

PERCA SALVA-FEGATO.... o TROTA SALVA-CENA?! ^___^



E' da... lunedì?! si, credo di si.... che apro il congelatore a pozzo in garage e rimescolo ciò che contiene alla spasmodica ricerca di un'idea per mettere assieme qualcosa per cena...

E penso proprio che chiamerò Telefono Azzurro per lamentarmi perchè i miei genitori sono tornati in quel di Ferrara e la mia Mammina ha "osato" abbandonarmi in cucina, tra pentole, piatti, mestoli che si ribellano, non ne vogliono più sapere di collaborare, dopo essere stati amorevolmente accuditi dalle Sue Manine Sante... Non sono più abituati a essere sbatacchiati di qua e di là o nel lanvandino sporchi, oppure in lavastoviglie due giorni o appiccicati ad una non bene identificata sostanza bruciaticcia nei tegami... insomma... li ho trovati ieri mattina tutti belli "in batteria" in cucina, con striscioni e urlanti improperi verso la mia personcina...


VOGLIAAAMO LA MAMMA!
VOGLIAAAAMO LA MAMMA!!
VOGLIAAAAAMO LA MAMMA!!!

No dite eh?! nono... mi sa che era solo un brutto incubo, che sono IO che voglio la mia mamma...vabbè anche se c'ho 39 anni suonati, ci sta un attacco di mammite ogni tanto no?!!!!!

E allora, per paura di rivivere cotale incubo, ieri sera per cena ho deciso di dedicare al nostro fegato stracarico, una cenina leggera leggera ma carina a vedersi... che anche gli occhi si sono abituati "a far festa"... ^____^

TROTA MASCHERATA... DA PERCA!

(per due persone... a fegato carico....)

2 piccole Trote (pescate da Papino)
brodo vegetale
1 mela golden bio
3 carote medie
3 rape bianche
aceto di mele bio
zenzero fresco
erba cipollina
semi di papavero
succo di limone
olio evo q.b.
sale q.b.

Lessare le due trote già pulite, nel brodo vegetale (ho inaugurato per questo brodino, il vasetto di dado vegetale casalingo regalatomi a Natale dalla compagna del mio cognatino! Ottimo!!! ^___^)

Mentre il pesce cuoce lavate e spellate col pelapatate le carote e le rape bianche e tritate tutto a julienne e condite con l'aceto di mele e un pochino di sale fino ogni verdura in una ciotola a sè.

Quando il pesce è cotto (15-20 minuti, dipende dalle dimensioni dei pesci), spolpatelo tutto e disponete la polpa nei piatti individuali, condendo con un filo d'olio, pochissimo sale (anche niente se vi piace) e una bella manciata di erba cipollina tritata (io ne ho una scorta mega in congelatore....) e semi di papavero

Ora, lavate e asciugate bene la mela golden, tagliatela in 4 spicchi eliminando semini e parte dura centrale e affettate ogni spicchio con la mandolina e irrorate con il succo del limone perchè non scurisca la polpa.

Disponete su ogni piatto le fettine di mela in modo da formare un "letto" su cui poserete una manciata di julienne di carote e sopra a questa un'altra di julienne di rapa bianca.

Pulite un pezzetto di radice di zenzero fresca e tagliatela a listarelle sottili sottili e disponete sopra l'insalatina.
Decorate la cima dell'insalatina con due fettine di mela a mò di ali di farfalla e spargete sopra il tutto i semi di papavero e un filo appena di olio evo.

Io ho messo pochissimo zenzero fresco perchè è un sapore che ho scoperto molto di recente e quindi ci vado piano... mentre il Compare non lo conosceva per niente e quindi capirete... ma voi abbondate pure se vi piace! ^____^

Con le julienne di carote e rape e le fettine di mela avanzate e un altro pochino di zenzero, fate un'unica insalatona da condire come quella decorata sul piatto, da servirvi in abbondanza dopo aver finito quella "di facciata" sul piatto! ^______^

Pane?! Ma si va, un paio di fettine ci stanno! :P*

Il Compare, finito il pesce si è guardato attorno chiedendone altro... si perchè dovete sapere che.... non sopporta più le trote perchè papino ne aveva pescate veramente tante e ci aveva rifornito ben bene il congelatore e il Compare non ne voleva più mangiare... siccome però ieri pomeriggio in congelatore c'erano altre due trote... quando lui ha poi visto il pesce nel piatto, già tutto bello spolpato ha chiesto "Non è trota vero?!" e io "No! No! Di sotto sono rimasti solo dei Perca" .... bene a fine cena ha detto "Peccato! Proprio buono questo Perca!" ... o.O

PS: Compare... giuro... in congelatore ADESSO ci sono solo dei Perca!! ^____^

lunedì 11 gennaio 2010

UNA BIRRA... DI PLATINO!!!!! ^_____^


Ebbene ragazzi, questa non posso non segnalarvela!

E' con GRANDISSIMO, immenso, assoluto piacere ed orgoglio che annuncio la vincita della Medaglia di Platino ai Mondiali della Birra, tenutosi lo scorso ottobre a Strasbourg, con la birra "TRIPLE XXX" prodotta dal microbirrificio "CROCE DI MALTO" di proprietà, in società con un altro loro amico, della mia bellissima Cuginotta piemontese e del suo Maritino, in quel di Trecate, in provincia di Novara!!! ^_____^

Questi due ragazzi hanno saputo coltivare un sogno, portarlo avanti tra mille sacrifici, un lavoro, per entrambi, full-time, una bimba bellissima da accudire e crescere ed un altro in arrivo! ^___^

Ricordo, quando si sono sposati, che mio zio ci ha accompagnati nella cantinetta del palazzo in cui vivono i miei zii (mentre Erica vestiva l'abito da sposa...) per farci vedere l'angolino angusto dove hanno cominciato la produzione della birra e piano piano, dal "casalingo" sono arrivati al loro primo Microbirrificio!!! ^_____^

Andate a trovarli sul loro sito, non ve ne pentirete!!!

Noi abbiamo avuto l'onore di assaggiare ogni birra da loro prodotta e sono tutte buonissime ma, dobbiamo dire che siamo stati FOLGORATI proprio dalla Triple XXX, la birra vincitrice di Strasburgo! ^___^

L'ho bevuta pure io, che mi ritengo astemia! :DDD

Abbiamo già fatto il nostro primo ordine... non vediamo l'ora che arriviiiiiiiiiiiiii!!!!!

La foto, inutile dirlo, l'ho presa dal loro sito! Grazie Erica e Alessio, SIETE GRANDISSIMI!!!!

venerdì 8 gennaio 2010

OVERDOSE DI LETTURA... che bello!!! ^____^


In questi giorni di vacanza (finite il 6... sob!) mi sono immersa nella lettura fino alla punta dei capelli... finito un libro che mi trascinavo da un paio di mesi, ma non perchè brutto... solo perchè mi commuovevo e non volevo star male... evabbè... e poi letti altri due piccoli... e poi cominciato la scorsa settimana un nuovo libro... e terminato ieri sera tardi... IL CANNOCCHIALE D'AMBRA, terzo libro della saga di Philp Pullman ed è BELLISSIMOOOOOOOOOOO... e.... mi sono pure messa a piangere evvaiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii :*DDDDDDDDD

Ma siamo sicuri che finisca così questa storia?! No dai, Philip scrivi il seguitooooooooooo

Giusto questa mattina, vestendomi, guardavo la pila di libri intonsi che mi aspettano sul comodino tutti belli in fila uno sull'altro beandomi delle nottate insonni che passerò a leggere... con grande gioia del Compare, che ficca la testa sotto il piumino per un pò di buio :*D

E un attimo fa è arrivato il corriere e non ricordavo proprio di aver preso nulla... già pensavo ad un acquisto fatto dal Compare (chissà cos'avrà preso?! senza dirmi niente poi! ^_____^) e invece mi affaccio sulla porta e... riconosco l'imballo... LIBRI!!!! evvaiiiiiiiiiiiii... ma che libro avrò mai preso?! e quando?! O.o

Apro al volo la confezione e... AAHHH SI!!!! Ecco!

Bene, allora vi dico, compresi questi altre 3 libri freschi freschi di consegna, cosa mi appresterò a leggere nei prossimi mesi ^___^ casomai a qualcuno interessasse..... :P

non in ordine di importanza, ma in ordine di "pila"!

PIANOFORTE VENDESI di Andrea Vitali (Vitali è l'autore, non il venditore del pianoforte!)

LA MUSICA SEGRETA DELLA TERRA di Mari Strachan

EVERNIGHT di Claudia Gray (si parla di vampiri... vabbè, ormai vago nella "loro terra" in continua cerca di Edward&C. :*) )

IL PATTO DEI LABRADOR di Matt Haig (regalo del Compare) e quando si parla di animaletti non resisto... :)))

LA DANZA DEGLI GNOMI E ALTRE FIABE di Guido Gozzano (... ricordate?! ... la cosa buffa è che mammina SENZA SAPERE ASSOLUTAMENTE NULLA DEL MIO POST l'ha trovato su una bancarella di libri usati e ha pensato a me... se non è telepatia da mamma-strega a figlia-strega, non so cos'è.... ^______^)
Se volete leggerlo, cliccate sulla riga del titolo evidenziata in grassetto, alla pagina che vi si apre, scorretela verso il basso e prelevate il file... e leggete! ^____^ In questo sito ci sono un sacco di altri libri scaricabili gratuitamente!!!!

IL REGNO DEGLI ELFI di Waldemar Bonsels (altro regalo di mammina, è un libro per ragazzi ma non ho trovato nulla sul web...)

IL SEGRETO DELLA CAPPELLA di Candace Robb (preso in edicola in edizione supereconomica a euro 5,50!)

IL RITRATTO DI DORIAN GRAY di Oscar Wilde (dopo quella schifezza di film, voglio leggere il libro perchè voglio farmi un'idea mia del romanzo... poi magari mi farà ugualmente schifo, ma almeno avrò letto "l'originale"....) anche questo scovato tra i libri in vendita nell'edicola del mio paesello... costava 6 euro ma me l'hanno dato a 5,00 .... forse perchè hanno trovato una "sfigata" che li ha aiutati a disfarsene!? ^_____^

SE SOLO POTESSERO PARLARE di Nicholas H. Dodman (regalo dei suocerini ^____^)

I SENTIERI DEL SILENZIO di Andrea Antinori (libro-guida acquistato questa estate a Caldarola, è un libro che però andrà tenuto "sottobraccio" quando e se dediceremo di provare qualcuna delle passeggiate descritte, per rivedere o riscoprire con belle camminate in mezzo ai monti abbazie ed eremi sull'appennino umbro-marchigiano... al momento mi ispira un sacco!)

I DIARI DELLA FAMIGLIA DRACULA (trilogia completa) di Jeanne Kalogridis comprato a Bologna durante una bella sortita in un negozio di libri usati :) e continuo a "vampireggiare"....

RICETTE PER UN MATRIMONIO PERFETTO di Morag Prunty (letto solo la trama "al volo"... sperem ben...)

Credete che possa bastare?!!! Ma come ci pensate!!!??!! ^____^

Sono drogata di lettura, potrei starmene chiusa in casa settimane solo per leggere... Mi sono iscritta su Anobii tempo fa con l'intento di metterci dentro TUTTI i libri che abbiamo in casa ma... è davvero impossibile... :DDD

L'altra sera, mentre il Compare si guardava la partita in tivù, mi sono rivista, per la milionesima volta "C'E' POSTA PER TE", IL FILM, NON LA FILIPPI!!! :DDD mi piace troppo quel film... e mi piacerebbe essere come lei, avere una di quelle librerie "storiche", che qualunque cosa ti chiedano, sai dare una dritta, che conosci tutti gli autori del tuo genere preferito e che guardando una persona in faccia capisci cosa preferisce leggere... e poi... è così tenero quel film che riesce a commuovere anche una scorzona come me!!! ^____^

Adesso non mi resta che trovare un segnalibro ciascuno!!!

martedì 5 gennaio 2010

FESTEGGIAMO UN NUOVO PREMIO CON UN BEL GELATO?! ^___^

"Nenhum olhar è mais puro do que uma criança"


Aggiornamento del 28.01.2010!!! Laura di Pentole di Rame ha ricambiato ridonandomelo! Grazie bellissima!!! ^_____^
Anche a te una bella mela-gelato!

Come posso fare per ricambiare questo Premio, dedicatomi dall'amica Chabb e che solo oggi ho ritirato?! :P



Ma con un bel gelato ovviamente, continuando sulla scia dei "gelati vestiti"!! ^___^

Eggià... perchè a me le idee-gelato non mi vengono tanto d'estate, come sarebbe normale, quanto e soprattutto d'inverno, quando fuori si fanno 10 cm di neve in due ore (come ieri) o piove a scatafascio (come ora)...

Mbè però dai, ci sta bene... tutti belli rannicchiati sotto il superplaid, col pigiamone imbottito, i calzettoni di lana e i guanti senza dita... Così è un pò troppo no? Si rischia il surriscaldamento globale del cervello no?! E allora, riportiamoci alla nostra normale temperatura corporea con questo

GELATO DI MELE GOLDEN

(per 6 persone)

6 mele golden mature, complete di picciolo
2 cucchiai rasi di zucchero bianco
3 cucchiai di sciroppo di sambuco
Succo di 1 limone filtrato
250 ml di panna di soya Provamel
(o panna da montare... non montata e NON zuccherata)
o ancora, in alternativa, se piace il sapore acidulo, 2 yogurt da 125 ml bianchi al naturale
1 porzionatore a pallina
1 frullatore
1 gelatiera

Lavare ed asciugare le mele, poi tagliare la pare superiore e tenerla da parte come "coperchio", spennellandone la polpa col succo di limone perchè non annerisca.
Col porzionatore a pallina, svuotare delicatamente le mele di tutta la polpa interna, stando attenti a non forare la buccia (lasciare comunque qualche millimetro di polpa all'interno in modo da non assottigliare troppo la buccia e renderla "molle".
Col succo di limone spennellare anche l'interno di tutte le mele così svuotate, ricoprire ognuna col suo "cappellino" e mettere in frigo coperte con pellicola trasparente.

Mettere la polpa di mela (eliminando semi e pezzi di torsolo centrale) in un frullatore, unire la panna di soya Provamel (o la panna da montare, così allo stato liquido o ancora, come scritto sopra, due yogurt bianchi al naturale) poi i due cucchiai rasi di zucchero e lo sciroppo di sambuco e azionare il frullatore fino a che si ottiene un... frullato! ^___^
Assaggiare eventualmente se per voi è dolce abbastanza ed aggiustare di zucchero o altro sciroppo di sambuco, secondo il vostro gusto.
Mettere in frigo a raffreddare qualche ora.
Azionare la gelatiera e fare il gelato con il composto di mela golden secondo le istruzioni della vostra gelatiera e servire riempiendo le mele precedentemente svuotate! ^___^

Io non ci ho pensato al momento, ma per chi ama la cannella (come me!!!), aggiungerei al composto anche qualche bel cucchiaino di cannella in polvere... mmmmhhh bbonoooo :P***


E ora veniamo al Premio avuto di Chabb e alle istruzioni per ritirarlo, esporlo, ridonarlo ^__^


1 - Postare la seguente frase: "Nenhum olhar è mais puro do que uma criança"...... FATTO :)
2 - Postare il premio FATTO :)
3 - Far riferimento al forum "Arte da Li" FATTO... QUI :)
4 - Lasciare un commento rivolto a chi ti ha passato il premio FATTO :)
5 - Passare il premio a 10 amiche ed avvisarle FATTO :)

e qui si fa dura... come faccio?! :P

Quasi quasi decido di passarlo a quelle amiche e a quegli amici blogger che ho scoperto solo di recente, così magari vi incuriosisco e vi invoglio ad andarli a trovare, così scoprirete anche voi delle persone speciali e che val la pena di seguire! E se già li conoscete, tanto meglio! ^___^

Ecco qui allora la mia scelta:

NOTE DI CIOCCOLATO
BRII
BLOGBLOG
LA CUOCA PASTICCIONA
MENTA & LIQUIRIZIA
VERDELIME
IO COSI' COME SONO (PIPPI)
PENTOLE DI RAME
PICCOLE MAGIE VEGAN
LA SEGRETARIA DEL VETERINARIO (non c'entra nulla con la cucina, ma mi fa troppo morir dal ridere!!! ^____^)

Ora passo ad avvisare tutti e poi mi scatafiondo sull'ellittica che c'ho un pò di rotolini natalizi in aggiunta a quelli "vecchi" da smaltire... aiutooooooo!!!!! :PPP

lunedì 4 gennaio 2010

COME MANDARMI IN BRODO DI GIUGGIOLE....

... portandomi a vedere questo genere di film... ^_______^

NON POSSO
NON DEVO
NON VOGLIO
ASSOLUTAMENTE PERDERMELI!!!!

"AVATAR"


(immagine presa da QUI)

CLICCATE SULL'IMMAGINE E GODETEVI IL TRAILER!


e per il bambino che c'è in noi....

ARTHUR E LA VENDETTA DI MALTAZARD
(II^ libro-episodio della Saga dei Minimei)


CLICCATE SUL TITOLO E GODETEVI IL TRAILER!

:DDD


Ma prima di sederci comodamente in poltrona e sprofondare in queste visioni, un bel pasto ci vuole no?! E così, eccovi finalmente la RICETTA ORIGINALE dei...

PASSATELLI FERRARESI
(ricetta eseguita dalla mia mammina)



(foto fatte con il cellulare!)


Premetto che mammina non pesa mai nulla e tengo a precisare che non è l'occhio di "sanfasò" ma l'occhio di una 'zdora esperta! ^_____^

Quindi, come unità di misura, (per pane e grana grattugiati) mettete le vostre manine sante a coppetta unite insieme, come se voleste raccogliere dell'acqua da una fonte per bere insomma e procedete... :)

DOSI PER 4 PERSONE

4 litri ca. di brodo di carne BUONO! :)
1 uovo a testa + 1
2 dosi di mani a coppa di formaggio grattugiato (grana)
4 dosi di mani unite a coppa di pane grattugiato
noce moscata q.b.
sale fino q.b. (anche se mamma non lo mette...)
1 schiacciapatate con disco a buchi più larghi di quelli che usate per il purè di patate
La "forza bruta" di Papino! ^____^

Rompere le uova in una ciotola capiente, unire il formaggio grattugiato e noce moscata e sbattere bene come per fare una frittata.

Aggiungere il pane grattugiato e impastare, se risulta troppo morbido, aggiungere un'altra dose di " mani unite a coppetta" di pane grattugiato.
Una cosa importantissima!!!
Per il pane grattugiato NON usate quello che si trova già pronto in commercio!! No! Non va bene!!!
Con quello rischiate di vedervi i passatelli tutti spappolati nel brodo quando ve li butterete...
Dovete usare il pane grattugiato casalingo, ovvero ottenuto da pane secco, avanzato e grattugiato da voi stessi... o da una mammina premurosa... ^_________^

L'impasto deve risultare della consistenza di un "polpettone" crudo.

Lasciarlo riposare coperto per un'oretta.

Portare a bollore il brodo di carne (per i vegetariani va benissimo anche un brodo vegetale) poi dal "polpettone" ricavare dei dischi da riuscire a schiacciarli dentro lo schiacciapatate, poi chiamare a gran voce Papino (o il Maritino) dalla cucina e ordinargli di schiacciare per voi l'impasto nello schiacciapatate, direttamente nel pentolone del brodo fino a finire tutto l'impasto.

Mescolare delicatamente con un cucchiaio di legno per non rompere i passatelli.

Tempo di cottura... due minutini sono sufficienti.
Poi incorperchiare, spegnere il fuoco e lasciare così altri 5 minuti.

Servire poi nelle fondine individuali belli bollenti e una bella spolverata di grana sopra, per chi lo ama :)

BUON APPETITO!

Una piccola nota sulla schiacciapatate... io ne ho due... uno a bicchiere "fisso", in acciaio e un altro in alluminio con i dischetti di fondo intercambiabili...
Bè... devo dire che tra i due, per i passatelli è meglio questo qui in alluminio (quello della foto è di mammina perchè me le ha preparate quando sono andata da loro per il ponte di inizio dicembre ^___^) mentre l'altro me l'ero comprato io ma non è la stessa cosa... forse perchè non è ancora "carico" di storie da raccontare e non ha quindi in sè ancora tutta la "magia" delle donne di casa... :*)
E di passatelli e di nonne e di mamme e di avventure in cucina ce n'è da raccontare mentre ci gustiamo questo piatto bello fumante e buonissimo!!!


Ti potrebbe interessare anche...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Postato da: