TEST DI VERIFICA

TEST DI VERIFICA nei commenti...
Abbiate pazienza, l'avevo tolto, come in tanti mi avevate richiesto, per facilitare la pubblicazione dei commenti da parte vostra, ma ho dovuto rimetterlo perchè da quel momento han ripreso ad arrivarmi un saaaaacco di commenti-spam... e non ne posso più di star lì a cancellarli... :(((
Spero sarete comprensivi e che vorrete lo stesso continuare a seguirmi... VVB! =(^.^)=

domenica 26 febbraio 2012

TORCETTI DI SAINT-VINCENT... per chiudere in bellezza! ^^

Può la Gata, ospitante la prima lettera dell'Abbecedario Culinario d'Italia, il Progetto dell'Anno della Trattoria Muvara, chiudere le sue due brevissime ma bellissime settimane, senza proporre un'altro piattino valdostano? 

E dolce poi?!

Bè... no! :DDD

E così questa mattina, ho ri-messo le mani in pasta, come si suol dire, e ho preparato dei biscottini secchi che, a giudicare dalla foto sul libro (sempre dalla già citata enciclopedia a volumi regionali, regalo di mammina di qualche anno fa) hanno attirato la mia curiosità e golosità... 8P****

Perciò ecco qui, dedicati alla letterina A di Aosta per l'Abbecedario Culinario d'Italia, un progetto  che vede coinvolte tante blogghine sia ospitanti letterine, che affaccendate in cucina per contribuire ad arricchire tale raccolta.... i miei...

TORCETTI DI 
(dosi per ca. 50-60 biscotti)
 
PREMESSA: ho raddoppiato le dosi indicate nel libro per avere più torcetti da offrire ai vicini di casa (i miei assaggiatori ufficiali, dopo il Compare! ^^ ) e comunque, tengo a precisare che le ricette di questa collana di libri non sono proprio precise... ma almeno così si stimola la propria inventiva e capacità d'improvvisazione! :P

500 g di farina "00" + altra q.b. (circa altri 200 g)
4 cucchiai di zucchero + ca. 150 g da tenere da parte
1 presa di sale
200 g di burro (ma io ne avevo solo 170 e quelli ho messo...)
400 ml di acqua tiepida
1 bustina di Cremor Tartaro (dose per 500 g di impasto)
1 cucchiaino colmo di bicarbonato di sodio

Anche qui altra mia variante... la ricetta originale prevedeva il lievito di birra in polvere ma... la mia testolina m'ha detto che era meglio usare un altro tipo di lievito... non so dirvi perchè... voi fate come volete però eh?! ^_____________^


Setacciare in una ciotola la farina con il lievito (nel mio caso ho mescolato bene insieme a parte il cremor tartaro e il bicarbonato di sodio e poi li ho uniti alla farina prima di setacciarla).

Aggiungere lo zucchero e la presa di sale e mescolare per amalgamare bene tutte le "poveri".
Fare un buco al centro e versarvi l'acqua tiepida e impastare fino ad ottenere un panetto morbido ed elastico.

Ho fatto questo primo impasto usando la planetaria con il gancio ad uncino, ma si riesce bene anche a mano! :)

Ero partita con 500 g di farina "00", ma l'impasto rimaneva troppo morbido e colloso così ho aggiunto altra farina man mano fino a che è diventato meno appiccicoso (circa 150-200 g di farina in più); al che l'ho trasferita sulla spianatoia con una spolverata di farina e l'ho rilavorata a mano per altri 5-10 minuti e poi l'ho messa a lievitare in una ciotola di vetro, con sul fondo un velo di farina e coperta con uno telo bagnato e molto ben strizzato (così in superficie non si forma la crosticina).

Lasciarlo lievitare per un'ora e mezza, dopo di che tagliare il burro a tocchetti ed ammorbidirlo nel microonde alla temperatura massima per 15-20 secondi circa; deve essere morbido ma non fuso.



Se non avete il microonde, basta tirarlo fuori dal frigo una mezz'oretta prima.

Riprendere l'impasto, infarinare la spianatoia, stendervelo sopra allargandolo prima a mano poi col mattarello lasciandolo bello spesso; distribuirvi sopra il burro, chiudere l'impasto su se stesso prima su due lati poi sovrapporvi gli altri due e cominciare a lavorarlo energicamente per far incorporare bene il burro...

Tenetevi vicino il contenitore della farina con un cucchiaio perchè vi servirà... eccome se vi servirà... :DDD

Sulle prime vi sporcherete anche l'anima... :DDD 

Man mano che impastate aggiungete farina a cucchiaiate fino a che non affiorerà più il burro e il piano di lavoro sarà quasi pulito.

Mettete un attimo da parte l'impasto, eliminate con un tarocco (spatolina) il mix di burro-farina che è rimasto appiccicato alla spianatoia; lavatevi bene le mani ^^, rispolveraea leggermente di farina il piano e continuate ad impastare fino a che diventerà elastico e morbido ma non appiccicoso.

Rimettete a lievitare un'altra ora nella ciotola infarinata, sempre coperta col telo umido.

Distribuire il restante zucchero della ricetta in una ciotola o piatto rettangolare.

Fate scaldare il forno a 200° e terminata la seconda lievitazione, prendete dei pezzi di impasto, fatene dei cilindretti grossi quanto un dito (di mano femminile ^________^) e lunghi circa 15 cm.

 
Passateli nello zucchero e chiudeteli ad anello premendo leggermente le due estremità l'una sull'altra.

Mettete a cuocere in forno già caldo a 200° per 20-25 minuti o fino a che la superficie apparirà dorata e croccante.

Fate raffreddare su una gratella e poi... Ecco degli ottimi biscottini da tè! ^_____________^

Al gusto non sono dolcissimi, nè burrosi, nonostante il burro non manchi di certo tra gli ingredienti... sono invece friabili e dal gusto delicato... Confesso... ne ho mangiati... TRE

1 ancora caldo...
1 già freddo...
1 pucciato nel tè all'arancia... 

Bè... ora basta certo, ma come si fa a sfornate tale delizia e non provare nemmeno a sentirla...??? 

A come....

 

Ancora!!!!!! :DDD


PS: mi sono accorta, scorrendo poi tutte le ricettine arrivate, che questi biscottini li aveva già cucinati e proposti per noi la nostra CindyStar! :*DDD

Ecco QUI i suoi! 
^____________^


Dal 27 si va con la B di Bolzano per il 
Trentino-Alto Adige 
e quindi mie care e miei cari... 
per le vostre ricettine!

^_______________^

domenica 19 febbraio 2012

POLENTA VALDOSTANA per l'Abbecedario d'Italia

Ed eccomi di nuovo qui con un'altra piccola proposta per l'Abbecedario d'Italia, dedicata alla letterina A di Aosta :)

Ricordate!!!!! Avete un'altra settimana di tempo per mandarmi le vostre ricette dedicate a questa città e alla Regione Val D'Aosta, ma per partecipare dovete lasciare un commento sul POST dedicato!! 

Mentre QUI trovate le regole per partecipare alla Raccolta ^^ e al termine delle due settimane, QUI troveranno un caldo ed accogliente benvenuto, tutte le nostre Ricettine! ^^

Mi raccomando eh?! Vi aspettiamo ancora numerosissimi e numerosissime!!!

Bè... sono sempre ottimista e quindi continuo a sperare che anche qualche bel Cuoco prenda parte a questo lungo viaggio con noi! ^^ 

E anche questa è un'altra specialità assaggiata in Val D'Aosta, in un Ristorante Rifugio bellissimo, affacciato su di un altrettanto splendido paesaggio... mammamiachenostalgiaaaaaaaaaaaaaaa



Come mi ha poc'anzi ricordato Mamma al telefono (perchè tra una parolina e l'altra battuta sulla tastiera, siamo anche riuscite a scambiare quattro chiacchiere ^^) in realtà, la polenta che ci portarono quella volta era sì con la Fontina, ma era anche arricchita da funghi e da prosciutto, quindi... insomma... toccherà tornarci... :P***

Dunque ecco qui una bella porzione di ...

POLENTA VALDOSTANA

500 g di farina di mais fine
1,5 litri d'acqua
sale grosso q.b.
3 cucchiai olio evo
pane grattugiato q.b.
Fondine o coccottine da forno
Forno statico, preriscaldato a 180°

Fate una bella polentina con QUESTO metodo, perchè non ha senso sfinirsi le braccia... ma se siete masochisti accomodatevi pure e fate col solito sistema... :DDD

Nel frattempo, ricavate dalla Fontina Valdostana D.O.P delle fette spesse mezzo centimetro scarso ed eliminate la crosticina intorno e tagliatele a pezzetti.

Terminata la cottura della polenta, prendete le fondine o cocottine individuali e stendete uno strato di polenta sul fondo, non troppo spesso però.

Adagiatevi sopra 2-3 pezzetti di Fontina e fate un altro strato di polenta, così via fino ad un dito dal bordo della fondina. 

Chiudete con un ultimo strato di 2-3 pezzetti di Fontina, spargete sopra una cucchiaiata di pane grattugiato fine e infornate 10 minuti o un quarto d'ora a 180°, fino a che in superficie si forma una bella crosticina dorata.

Servite posandole su piatti di legno per conferire al tutto un'aria più "montanara" possibile ^^

PS 1:
Occhio! Avvisate i vostri ospiti che... il piatto e il suo contenuto sono a 30.000 gradi Fahrenheit!!!

ps 2:
Ovviamente, per due persone, non ho usato tutta la polenta, ci mancherebbe! ^^
La parte restante l'ho messa da parte come faccio sempre, lasciandola freddare e poi tagliata a fette e congelata in freezer per futuri utilizzi :)))

PS 3:
ricetta vietata ai "deboli di cuore" e concessa una volta l'anno... agli ipercolesterolemici come me!!!! :*DDD

Noi ci siamo pappati questa bontà oggi a pranzo! :P***

Il Compare s'è sgrufolato tutto il piatto, mentre io non ce l'ho fatta... a 3 cucchiaiate dalla fine ho dovuto desistere... non sono più abituata a piatti così sostanziosi... ma è domenica e la domenica ci si coccola, a costo di crollare poi addormentati se non semi-svenuti sul divano, ad aspettare che la digestione faccia il corso! ^_________________^






A come....


Aiuto scoppio!!!!

:DDD

LA POLENTA DELLO ZIO VI'

Lo Zio Vì sta per Vincenzo, il fratello maggiore della mia Mamma e, non è che ha l'hobby dei fornelli... è proprio "malato" di cucina!!! ^^

Non ha mai preso un diploma o fatto corsi di cucina, è assolutamente autodidatta ma, credetemi, non ha proprio NIENTE da invidiare allo Chef più blasonato... e non pensiate che le mie siano parole "di parte" in quanto sua nipote... è un dato di fatto! ^^
Riesce a mettervi a tavola 100 e passa persone così, con uno schiocco di dita, con un menù completo dall'antipasto all'ammazzacaffè, mentre a me mette pensiero preparare già per più di 8 persone...

Pensate che è talmente preso e rigoroso in questa sua passione che, anni fa, durante una vacanza a casa dei miei nonni a Ferrara - perchè lui vive con la sua bellissima famiglia a Trecate di Novara - si offri di preparare un risottino per pranzo... Ora non ricordo più che risotto fosse, ma lui li fa "con tutti i crismi" e, come dice lui, se ci va il burro, ci va il burro... non olio o altro... il BURRO! Rigoroso che manco l'Artusi... :*DDD

Insomma, aprendo il frigo si rese conto che non ve n'era traccia... ma come??? Non si usa burro in questa casa? Tuonò con la testa ancora infilata nel frigo a rovistare anche nei cassettoni della verdura... ebbene no... per tanti motivi, in primis la salute, a casa nostra il burro è praticamente inesistente da anni (anche se io qualche volta ho ripreso ad usarlo) e alla fine s'è dovuto rassegnare a fare quel risottino senza tale meraviglia e in fase di mantecazione, m'ha raccontato mamma che era il ritratto della depressione fatta persona, dovendola fare con l'olio evo... ODDIO CHE SPASSO!!!! :*DDD

Dai Zio Vì, questo aneddoto era troppo carino per non raccontarlo... VVB!!!!:DDDDDD

Insomma, lo zio è pure lui appassionato come la scrivente, di programmi di Cucina & C. (ma và?!) e da qualcuno di questi, non so quale, ha visto fare una polentina che ha rivoluzionato prima nella sua, poi nella cucina di mamma e ora nella mia... il modo di cuocere la classica polenta che richiederebbe normalmente, tra i 45 minuti e un'ora di mescolamenti con conseguenti dolori al braccio per una settimana... cosa che mi ha sempre portato al desistere, ripiegando sulle polente cosiddette "istantanee"... ma DA ORA IN POI, la polenta, quella VERA non mi metterà più paura... perchè adotterò la tecnica imparata con....

LA POLENTA DELLO ZIO VI'

500 g di farina di mais fine
1,5 litri di acqua
sale grosso q.b.
3 cucchiai di olio evo
1 pentola o casseruola a bordi alti con coperchio, che possano andare in forno
forno preriscaldato a 180°

Mettere la pentola o casseruola sul fuoco con l'acqua; appena questa bolle, versare il sale grosso e l'olio evo quindi, armandovi di frusta, versare a pioggia la polenta, mescolando energicamente per non formare grumi.
Continuare a mescolare per 10-15 minuti al massimo, quindi chiudere col coperchio e infilare il tutto in forno statico già caldo a 180° per 40-45 minuti.

Puntate il timer così sarete sicuri di ricordarvi che avete ANCHE una bella polenta che sta cuocendo tutta da sola in forno, mentre potrete dedicarvi a ciò che più vi piace nel frattempo! ^^

Una volta cotta, aprendo il coperchio in superficie e tutto intorno si sarà formata una pellicolina sottilissima che può sembrare "secca", ma appena affonderete il cucchiaio, il tutto sarà supercremossisimo e almeno ai miei occhi... sembra quasi un miracolo! :*DDDD

Propongo una OLA all'inventore di tale tecnica e se qualcuno sa/ricorda chi sia, me lo dica per favore che lo scriverò qui a lettere cubitali!!! ^________________^

Ovviamente questo metodo di cottura vale per qualsiasi tipo di polenta, da quella gialla a quella bianca o taragna, fate voi!

Come dosi sono stata abbondante perchè mi piace sempre averne d'avanzo da mettere poi a freddare stesa in una pirofila rettangolare in uno strato a vostro gusto e utilizzare successivamente per altre preparazioni! :)

Una volta ben fredda, in genere la taglio già a pezzi e la metto nei sacchetti e poi in congelatore :)

Ovviamente... questa ricetta è dedicata a Zio Vì ^___________^
 

lunedì 13 febbraio 2012

TEGOLE VALDOSTANE per la A di AOSTA!

Che l'Avventura abbia inizio! ^^

Dopo il post in cui si avvisava dell'Evento dell'Anno (modeste eh??! ^^) oggi parte ufficialmente la Raccolta de L'ABBECEDERIO D'ITALIA, ideato dalla Mitica Trattoria Muvara, che ha saputo coinvolgere mezza blogosfera! :DDD

E a me è toccato l'Onore di dare il via alle danze e vi aspetto numerosissimi e numerosissime, con le vostre bellissime e buonissime ricette tipiche della città di AOSTA o anche della Regione VAL D'AOSTA tutta! ^^
Forza, non abbiate timore, non siate timidi! Non dovete per forza conoscere la cucina regionale italiana per partecipare, ANZI!!!!

E' proprio il bello di questo gioco... metterci in gioco con ricette e piatti magari a noi sconosciuti o che abbiamo imparato ad amare durante un viaggio in quella città o in quella regione... e ORA è il momento giusto per scartabellare i nostri libri di cucina, o sfiticchiare sul web o addirittura trovare il coraggio di telefonare a quel certo ristorante, sruffianarsi un poco lo chef per farsi dare la ricetta e... SPIGNATTARE FELICI! ^^

Bene, ecco quindi la mia proposta d'apertura... che non poteva che essere un DOLCE... :DDD

TEGOLE D'AOSTA
per circa 70/80 Tegole

200 g di zucchero semolato
100 g di nocciole
100 g di mandorle pelate
60 g di burro morbido
60 g di farina bianca (io "00")
1/2 bacello di vaniglia bourbon
4 albumi
sale q.b.
Forno caldo a 180°

accessori essenziali
placche e/o tortiere larghe e basse
griglia per freddare le tegole
 mattarello lungo o stampi per cannoli

facoltativo
cioccolato fondente


Mettere nel mixer lo zucchero con le mandorle e le nocciole e frullare fino ad ottenere una polvere la più fine possibile.
Unire quindi il burro ammorbidito, a tocchetti, la farina e la polpa del mezzo bacello di vaniglia (la ricetta originale prevedeva una bustina di vanillina, ma siccome personalmente la ABORRO - dà un sapore "artificiale" ai dolci, secondo me... poi va a gusti eh?! ^^ ) e rifrullare ottenendo un composto sabbiato.

Montare a neve ben ferma i 4 albumi,con un pizzico di sale e unire pian piano al composto precedente, mescolando dal basso verso l'alto per non smontarlo troppo.

Foderare di carta forno la placca del forno più qualche altra placca o tortiere larghe e basse se le avete (io ho lavorato con 3 padelle, infornando "a catena") e disporvi sopra tanti mucchiettini di impasto grossi come circa una  noce, con un cucchiaino da thè, ben distanziati tra loro (sulla mia placca ce ne stanno 9 in file di 3x3) e con il dorso dello stesso cucchiaino appiattirle girando man mano il cucchiaino dal centro verso l'esterno premendo con delicatezza, formando così dei "dischi" sottili e possibilmente rotondi, ma non preoccupatevi... sono buonissimi lo stesso anche se vi vengono ovali o bislunghi... :DDD

Devono essere il più sottili possibile, da intravvedersi sotto la carta-forno perchè cuocendo un pochino si gonfiano e allargano e quindi se li fate troppo spessi, la tegola risulterà troppo grossolana....

Infornate ora le teglie mano a mano nel forno già caldo a 180° per dieci minuti ciascuna o fino a che vedrete i bordi delle tegole scurirsi.

A quel punto estrarre la teglia dal forno e molto velocemente, staccare le tegole con l'aiuto di una spatola e posarle, capovolte, sul mattarello o sugli stampi dei cannoli, premendo leggermente per dar loro la classica forma imbarcata.

Questa operazione è da fare abbastanza in fretta perchè si freddano subito e diventa poi impossibile piegarle... ma se volete potete anche tenerle così come sono, son buone lo stesso ^^



Finito di cuocere tutto l'impasto, disponetele su un vassoio da portata se le consumate nel giro di qualche ora (tipo se le portate ad una cena o se avete ospiti) altrimenti conservatele in una scatola di latta o avvolte nella stagnola.

Tenderanno comunque a diventare morbide, ma ho ovviato al "problema" rinfilandole nel forno appena tiepido (60°) un'oretta... Tutte insieme, suddivise su due placche :)

Questo è uno dei piatti che amo di più della cucina valdostana (tò... guarda caso un dolce...) e le ho scoperte proprio durante la nostra Bellissima Vacanza in cotal Regione nell'ormai lontano (sob!) 2006... Ricordo che quando tornammo a casa, Il Compare se ne fece una scorta bestiale (no so... tipo 10-15 scatole??) e che me le centellinava, manco fossero tartufi della più pregiata specie! :DDD

Premetto che la ricetta l'ho trovata su uno dei volumi di una enciclopedia di Cucina Regionale Italiana che m'ha regalato qualche anno fa la mia Mammina... purtroppo non ho tutte le regioni perchè sarebbe costata troppo... ma per fortuna avevo PROPRIO quella che mi serviva! :*DDD

Questa che vi presento è il SECONDO tentativo fatto, perchè con il primo erano venute sì buone, ma c'era qualcosa che non mi soddisfaceva, oltretutto, il procedimento descritto nel libro è INCREDIBILMENTE SBAGLIATO!!! O.o... tant'è che m'è venuto il dubbio (mostruoso e spero di sbagliarmi... ma per come lo descrivono sul libro, è PROPRIO impossibile da farsi...) che abbiano messo la foto delle tegole, ma che non abbiano PROVATO a farle... :DDD

Così, a distanza di appena una settimana, su grande richiesta del Compare e, in occasione di un pranzo di compleanno dagli Amicivicinidicasa... le ho rifatte, con mie piccole personalissime modifiche e... CREDETEMI... non fatevi spaventare dal numero di Tegole che escono con questo impasto... durano davvero pochissimo (a tavola eravamo in 10)!!! :DDD

SE VOLETE, potete anche fondere a bagnomaria del buon cioccolato fondente e immergervi per metà le Tegole... sono buonissime anche così (provate durante la suddetta vacanza) ma... secondo me perdono la loro originalità... ho il sospetto, infatti, che la trovata della cioccolata sia una roba tutta per i turisti... :DDD

Bene... ora tocca a voi!  

Aspetto tantissime vostre ricette della VAL D'AOSTA, avete due settimane di tempo dal 13 al 26 febbraio
Ah! dimenticavo!! Ovviamente possono anche essere ricette che avete già postato! L'importante è che aggiorniate il vostro post con il bannerino della raccolta e il link all'Abbecedario d'Italia :) 

E se non avete un blog, niente panico! ^^

Inviate un'email a trattoriamuvara_at_gmail.com con ricetta e foto e Aiuolik penserà a pubblicarla per voi! ^^

E ora, copiando brutalmente lo stile della Trattoria... (non t'arrabbi vero Aiù?! ^^)
A come...


Ammappete quanto son buone! ^^

giovedì 9 febbraio 2012

L'ABBECEDARIO CULINARIO D'ITALIA

Questo post esce a blog unificati, perché quest'anno la Trattoria MuVarA ha deciso fin dal principio che questo evento sarebbe stato sociale e cooperativo!

Lanciamo infatti un nuovo abbecedario che coprirà tutta la nostra nazione e che sarà ospitato, lettera per lettera, da un blog diverso. Il tutto poi confluirà, come l'anno passato, nel blog dell'abbecedario!

Che dite? Vi abbiamo già perso? No, dai è tutto molto semplice. In Italia abbiamo 20 regioni e un alfabeto di 21 lettere, ovvero 20 se togliamo la H. Per ogni lettera abbiamo scelto una città italiana di una differente regione, in modo da coprire tutto lo stivale, isole comprese! Ogni 2 settimane (come l'anno scorso) si cambia lettera e, novità delle novità, si cambia anche blog ospite.

Per ogni lettera chiunque può partecipare con una o più ricette tipiche della città corrispondente o anche solo della regione di appartenenza. Per partecipare, dovrete lasciare un commento al blog che ospita tale lettera con il link della vostra ricetta. Se non avete un blog, inviate un'email a trattoriamuvara_at_gmail.com con ricetta e foto e Aiuolik penserà a pubblicarla per voi.

Avete ancora le idee confuse? Speriamo di chiarirvele con il calendario delle lettere...occhio che si inizia tra pochissimo!

  • A come Aosta (Valle d'Aosta) dal 13/02/12 al 26/02/12 - Blog ospite: Gata da plar
  • B come Bolzano (Trentino Alto Adige) dal 27/02/12 al 11/03/12 - Blog ospite: Briggis'home
  • C come Chioggia (Veneto) dal 12/03/12 al 25/03/12 - Blog ospite: Mangiare è un po' viaggiare
  • D come Domodossola (Piemonte) dal 26/03/12 al 08/04/12 - Blog ospite: CookingStefy
  • E come Empoli (Toscana) dal 09/04/12 al 22/04/12 - Blog ospite: Cindystar 
  • F come Foligno (Umbria) dal 23/04/12 al 06/05/12 - Blog ospite: La cucina di Cristina
  • G come Genova (Liguria) dal 07/05/12 al 20/05/12 - Blog ospite: Tutto a occhio
  • I come Isernia (Molise) dal 21/05/12 al 03/06/12 - Blog ospite: Torte e dintorni
  • L come L'Aquila (Abruzzo) dal 04/06/12 al 17/06/12 - Blog ospite: 
  • M come Matera (Basilicata) dal 18/06/12 al 01/07/12 - Blog ospite: Briciole
  • N come Napoli (Campania) dal 02/07/12 al 15/07/12 - Blog ospite: Galline 2nd Life
  • O come Otranto (Puglia) dal 16/07/12 al 29/07/12 - Blog ospite:
  • P come Pavia (Lombardia) dal 30/07/12 al 12/08/12 - Blog ospite: 
  • Q come Quartu Sant'Elena (Sardegna) dal 13/08/12 al 26/08/12 - Blog ospite: 
  • R come Roma (Lazio) dal 27/08/12 al 09/09/12 - Blog ospite: 
  • S come Siracusa (Sicilia) dal 10/09/12 al 23/09/12 - Blog ospite: Fragoliva
  • T come Trieste (Friuli Venezia Giulia) dal 24/09/12 al 07/10/12 - Blog ospite: Fiordisale
  • U come Urbino (Marche) dal 08/10/12 al 21/10/12 - Blog ospite:
  • V come Vibo Valentia (Calabria) dal 22/10/12 al 04/11/12 - Blog ospite: 
  • Z come Zocca (Emilia Romagna) dal 05/11/12 al 18/11/12 - Blog ospite: Curiosando in cucina

mercoledì 8 febbraio 2012

TORTA SOFFICE ALL'ARANCIA sullo stile di LE MANI IN PASTA! ^^

Avete presente la trasmissione su Alice LE MANI IN PASTA appunto, dove Cristina Lunardini vorrebbe trasformare in provetto cuoco-pasticcione... ehemmm... pasticcere, quel gran bel figaccione di Alessandro Genova!???

Ecco... personalmente non è che segua assiduamente questa trasmissione perchè... è snervante vedere quant'è impacciato in cucina, sto lumacone d'un uomo... :*DD
Certe volte mi verrebbe voglia di entrare nella tv e dargli una padellata in testa per svegliarlo n'attimo... e credo che anche la Cristina a volte sia molllto tentata.... :DDDD ma poi la vedo eh?! Bricconcella, gli sguardi languidi che gli lancia e gli perdona sempre tutto!!! :*DDD

Epperò... oggi pomeriggio, appena tornata dal lavoro e dopo la mia sessione di ginnastica casalinga... Gata e Il Compare hanno fatto la stessa cosa! :DDD

Verso metà mattina m'arriva sulla mail dell'ufficio la foto di una torta con scritto "L'HO FATTA IO!" 

... NO.. non è possibile!

Il Compare, costretto tra le mura domestiche da ormai 3 giorni causa neve, è impazzito e s'è impossessato della cucina!!!!! Ha addirittura osato TOCCARE il MIO Mr. K!!!!! o.O
Già m'immaginavo di rientrare e trovare impasti e farine sparsi ovunque... ciotole rovesciate con zampate di gatti anche sui muri... il forno a palla vuoto da ore.... insomma... l'apocalisse..... 

Capooooooooooooooooo voglio andare a casa immantinenteeeeeeeeeeeeeee, a casa mia è scoppiato l'infernoooooooooooooooooo

  - avrei voluto urlare al Capo.... ma ho fatto un bel respiro, mi sono calmata e ho aspettato che Il Compare mi venisse a prendere (sì perchè in questi giorni fa pure l'Autista...) e gli lascio raccontare tutto il lavorone che ha combinato per farmi La Sorpresa e sono Felice (davvero!!!) del suo entusiasimo! ^^

Tra le altre cose però, mi dice che... vuole il mio parere... oddio... devo essere brava, calma e non ferire i suoi sentimenti... ma appena vedo la torta... non era lievitata per niente e dentro era proprio cruda... E adesso? Come faccio a "smontarlo"? Mi faceva così tenerezza... ^^

Ma alla fine si è reso conto da solo che doveva aver sbagliato un qualche passaggio, ma l'impegno è stato MASSIMO e mi ha MOLTO PIACEVOLMENTE stupita! ^^

Così alla fine, mi ha praticamente implorato di rifarla con me vicino... gli ho detto: "fammi riprendere un attimo fiato dalla ginnastica, mi mangio una banana, faccio la doccia e arrivo!" e lui intanto ha preparato tutti gli ingredienti sul tavolo! ^^

E così ammettiamolo dai: Il Compare, se affiancato con amore e pazienza, e nonostante una piccola dimenticanza, riesce anche a sfornare una più che squisita

TORTA SOFFICE 
ALL'ARANCIA

3 uova (tuorli e albumi separati)
1 pizzico di sale
150 g di zucchero
succo di un'arancia
200 g di farina
1 bustina di lievito (7 g)
50 ml di latte (ce ne siamo dimenticati e non l'abbiamo messo!!!! :DDD )
50 ml di olio di semi

per decorare (nostra aggiunta!)
zucchero a velo
passino
centrino di cotone o altro "stancyl" a piacere ^^

Setacciare la farina con il lievito in polvere.

Montare a neve ben ferma gli albumi con un pizzico di sale.

Nella planetaria o con un frustino elettrico, montare a crema i tuorli con lo zucchero e unirvi il succo dell'arancia, il latte (ma noi, come scritto sopra, l'abbiamo saltato... :P) e l'olio.

Incorporare quindi la farina col lievito al composto.

Unire alla fine, gli albumi montati a neve con movimenti dal basso verso l'alto per non smontarli.

Mettere il composto in una tortiera del diametro di circa 20 cm, precedentemente unta con olio evo e infarinata e cuocere in forno già caldo a 180° per 30-35 minuti o fino a che, alla prova stecchino, quest'ultimo ne uscirà perfettamente asciutto.

Lasciar freddare la torta, estrarla dalla tortiera, posarvi sopra un centrino e cospargere di zucchero a velo.

Togliere il centrino e voilà, il Dolce Esperimento del Compare è fatto! ^^


 


DOVEROSO dire che la ricetta Il Compare l'ha scovata QUI e che, come potrete notare leggendola, il procedimo da noi seguito è leggermente diverso, nel senso che io preferisco mescolare il lievito, quando è in polvere,direttamente nella farina anzichè nel latte, però alla fine il risultato, penso, va bene lo stesso no? ^^

domenica 5 febbraio 2012

SPUMA DI ZABAIONE AL CIOCCOLATO

Evvivaaaaaaaaaaa!!!! Non pensavo di farcela, e invece anch'io riesco a partecipare all'ultima letterina dell'ABBECEDARIO della Trattoria Muvara!!!!! 

^_____________^

Quanti ricordi
quante emozioni
quanti battiti di cuore sono passati da 

Ma te guarda il caso... il mio primo post dedicato alla sua raccolta l'ho fatto di DOMENICA... e oggi, che è DOMENICA, arrivo per l'ultimo post! ^^ 

E' passato un anno... ma vi rendete conto??!!!! o.O


Grazie Aiù, per avermi fatto capire ANCORA una volta quanto io ami passare del tempo in cucina!! :*)

E per avermi fatto scoprire nuove ricette e per aver un pò meno "paura" di sperimentare... come in questo caso, essendo questo il mio PRIMO zabaione! ^^

(la foto della "Z" l'ho presa QUI)


Eccola quindi, l'ultima "fatica" di Gata... in attesa di un nuovo "progettino"... ^_____^

SPUMA DI ZABAIONE
AL CIOCCOLATO
(per due persone)

2 uova medie (tuorli e albumi separati)
2 cucchiai colmi di zucchero alla vaniglia
1 tazzina da caffè di Marsala
2 cucchiai colmi di zucchero a velo
4 cucchiai di cioccolato grattugiato fine
Forno a microonde
 
per guarnire:
gocce di cioccolato q.b.
zucchero a velo q.b.
cioccolato grattugiato q.b.

La ricetta "base" l'ho trovata scartabellando tra i libri di cucina, su una di quelle schede che a volte ti arrivano a casa con l'intento di invogliarti ad acquistarne tutta una serie, presente?
Bè, non faccio mai queste raccolte, ma le schede omaggio le conservo... non si sa mai... come ora! ^^
In rosso ho scritto le mie modifiche/aggiunte... :)

Rompere le uova separando gli albumi dai tuorli.

In una ciotolina a parte, con la frusta a mano, montare i tuorli con lo zucchero alla vaniglia (conservo nel barattoletto che vedete in foto, tutti bacelli di vaniglia che mi capita di usare nelle varie preparazioni, insieme allo zucchero, così cedono il loro meraviglioso aroma e questo è uno dei tanti consigli d'oro del Mitico Montersino... <3 )

Questo lavoretto l'ho fatto a mano in quanto non mi andava di sporcare la planetaria per due tuorli... ho impiegato circa un quart'ora e un pò di dolore al braccio sinistro (sono mancina) ma tant'è... ^^

Appena tuorli e zucchero diventano chiari e spumosi, con una consistenza "da scriverci" aggiungere il Marsala e mescolare bene.

Il composto diventarà subito liquido, ma niente paura! :)

Effettuare ora nel microonde PER TRE VOLTE il seguente passaggio:

ciotolina in microonde alla massima potenza per 15 secondi, quindi tirare fuori e montare.

appena tirerete fuori il composto dal microonde, vi sembrerà "stracciato" ma rimontandolo brevemente con il frustino a mano tornerà bello denso e liscio :)



Dopo l'ultimo passaggio al microonde, a composto ancora caldo, unire il cioccolato grattugiato (gusto a vostro piacere: al latte, fondente, extrafondente, fate voi) io ho usato il GrattaCiock ^^ diciamo 4 cucchiaiate sono sufficienti ma abbondate pure se lo volete ancora più cioccolatoso... :P***

Porre la ciotola in frigo a stiepidire 5 minuti o, come ho fatto io, vista l'abbondanza di neve e freddo là fuori, l'ho posata (coperta!) sul davanzale della finestra... :D

Mentre aspettate che stiepidisca, montare a neve ben ferma gli albumi con la frusta elettrica (eh no... questa a mano non ce la posso fare....) e unire, dando un'ultima frustata, lo zucchero a velo alla fine.

Riprendere il composto dal frigorifero (o dal davanzale...) e trasferirlo in una ciotola un pò più capiente, unirvi una parte degli albumi montati a neve e mescolare bene per ammorbidire il tutto, quindi unire i restanti albumi e mescolare delicatamente dal basso verso l'alto per non smontare il composto.

Distribuire in due tazze di vetro da cappuccino, cospargere la superficie con abbondante zucchero a velo, una grattugiata veloce di cioccolato e gocce di cioccolato.

Mettere in frigo una mezz'oretta e servire :)

L'idea degli albumi montati a neve m'è venuta perchè sulla scheda, nella ricetta originale, consigliava per "alleggerire" lo zabaione, di aggiungere della panna fresca montata... al che ho pensato... già è bello consistente da sè lo zabaione... se ci aggiungo pure la panna, famo tombola! 
Così ho pensato di sostituire la panna con gli albumi montati a neve... :P
Ovviamente, GATA è ancora e sempre a dieta, quindi una delle tazze è per Il Compare, mentre l'altra l'ho portata ai nostri AmiciVicinidiCasa... ^^









Ti potrebbe interessare anche...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Postato da: